Di quanto spazio abbiamo davvero bisogno?
8 marzo 2016
0

Nell’ambiente risultante dalla foto di 14 mq. si dorme sul letto Ito di Clei letto matrimoniale a scomparsa con divano chaise longue, il tavolo Ozzio altezza cm. 20 posizionato come tavolino davanti al divano all’occorrenza diventa un tavolo da pranzo per ricevere 10 amici; di fronte il letto strategico Poppi Theatre con pannello scorrevole per inserire un televisore LCD. Qui da Konvert è visibile l’originale arredamento trasformabile.

La metratura della casa media americana è un po’ meno di 150 metri quadri (sì, avete letto bene – ndt). Ma gli operatori del settore interpellati dalla National Association of Home Builders, dichiarano che i proprietari d’immobili si orientano sempre più verso mutui più leggeri e case dal minore impatto ambientale, più economiche da scaldare e da rinfrescare.

Niente più McMansion da 400 metri quadri, tutte vetrate e soffitti da cattedrale, quindi.

Ecco perché quasi il 75% dei costruttori prevede che la metratura media scenderà a 89 metri quadri circa entro il 2016.

Non è una riduzione enorme, ma è già qualcosa. Ed era ora!

Sfatiamo il detto che una casa grande è sempre stata un indicatore di successo personale. Aspettiamo con ansia il giorno in cui case dalla metratura ragionevole saranno viste come indice di buon senso (commenta Nadia Teifreto, Interior Designer e Direttore vendita e marketing di Konvert Arredamenti).

Chiediamo a tutti quelli che possiedono un’abitazione di mega-metrature di cui sopra: quanti dei metri quadri totali di casa vostra utilizzate effettivamente?

Intendo con regolarità, non ogni tanto.

Eppure anche lo spazio che non usate regolarmente va arredato, scaldato, rinfrescato, pulito, assicurato, mantenuto. E viene tassato!

Quanto vi costa ogni anno? E quanto tempo avete intenzione di sprecare passando l’aspirapolvere in spazi praticamente inutilizzati? Per non parlare delle tasse…

Valutate la possibilità di un rightsizing

  • Nadia ci racconta “L’anno scorso ho letto un articolo su una coppia in attesa del secondo figlio. All’improvviso la loro casa (trilocale) era diventata troppo piccola.

Ma chi lo dice? Da quando l’equazione un figlio = una camera è diventata un assioma?”

In questo caso, la coppia utilizzava una delle due camere come ufficio domestico. Nadia consiglia di far dormire i due bambini nella stessa camera, separandola in 2 senza dividerla , almeno per un po’ (o per sempre).

  • Anna racconta “Sono cresciuta dormendo nella stessa camera con due sorelle e un fratello; quando mio fratello ha compiuto 7 anni, papà ha sistemato il sottotetto per creare una seconda zona notte. Le mie sorelle e io siamo sopravvissute bene alla tragedia della camera da letto condivisa, anche quando non andavano troppo d’accordo. Se volevamo spazio (non moltissimo), potevamo scendere di sotto, oppure uscire, e a quel punto avevamo tutto lo spazio che volevamo

Si è scritto parecchio di “mini case” (tiny houses – qui una delle più famose, quella di RowdyKittens, aka Tammy Strobel), residenze di metratura compresa tra 14 e 37 metri quadri circa. Perfette per alcuni, un po’ troppo piccole per la maggior parte di noi.

Una via di mezzo, qualcosa a metà strada tra il minuscolo e il “mi serve un GPS per trovare il bagno”, deve esistere!

Spero davvero che i costruttori di cui sopra non si limitino a predicare bene sostenendo i progetti presentati dai professionisti dello spazio abitativo ridotto.

La parola a voi: quant’è grande casa vostra? Valutereste di vivere in una più piccola?”

  • Manuela delucida “Sapete che l’argomento mi sta a cuore. Io e Mauro abbiamo una casa di 250 mq. decisamente sovradimensionata rispetto al nostro essere due per sempre (zero figli all’orizzonte). Al momento di comprare, 5 anni fa, abbiamo semplicemente cercato la casa più grande che ci potevamo permettere, in base a un processo mentale seguito da molti, o quasi tutti, ma che forse (forse eh!) andrebbe riconsiderato.

Fortunatamente, abbiamo fatto un buon affare e… acceso un mutuo variabile, che si è rivelato un affare anch’esso. Abbiamo provato a metterla in vendita l’anno scorso, a dire il vero senza troppa convinzione, e malgrado una quantità di visite e di vari apprezzamenti, nessuno ci ha fatto un’offerta troppo grande . Sappiamo che per vendere dovremmo abbassare parecchio la richiesta, e per il momento non ci va. La mia proposta di scambio casa “alternativo” non ha dato frutti (non sono stupita); del resto, in questo momento abitare a Roma non avrebbe nemmeno tutto questo senso, visto che Mauro ha perso il lavoro.”

Nadia di Konvert chiarisce “Faccio un po’ fatica a trovare statistiche onnicomprensive valide; comunque, giusto per avere un’idea vi comunico che nel 2011 in Lombardia la superficie media delle case acquistata è di stata di 99 mq, che calano ulteriormente a poco più di 70 considerando la sola Milano. Credo che la media nazionale sia leggermente più alta, ma siamo di certo ben lontani dai valori americani. Numeri a parte, comunque, ciò che conta è la mentalità: (se riusciamo a comprare) non compriamo necessariamente i metri che ci servono, ma quelli che ci possiamo permettere.

Dove i prezzi sono alti dobbiamo accontentarci, ma dove lo sono un po’ meno può anche capitare di acquistare più metri di quelli che in realtà servirebbero, come hanno fatto Manuela e Mauro.

Andare a stare in una casa più piccola è sempre visto come negativo: un sintomo che le cose non vanno bene, che non solo non possiamo permetterci di allargarci (come sarebbe scontato!), ma nemmeno di vivere come prima.

In alcuni casi è anche vero: ma spesso era la situazione di partenza a essere squilibrata ed eccessiva.

Di quanto spazio abbiamo davvero bisogno?”

Pochi anni fa si acquistava il nido d’amore con l’idea per cui l’apice del “raggiungimento” della vita lavorativa di una persona era l’acquisto della casa. Comprare casa significa stabilità, sicurezza (avere un tetto sopra la testa).

Giusi delucida “Intendiamoci, l’idea di passare tutta la vita in affitto con il timore dello sfratto o dell’aumento del canone non è che mi entusiasmi, però anche la casa che ti compri potrebbe non essere “per sempre”. Perché ho imparato che il nostro bisogno di stabilità, di cose certe e immutabili è destinato ad essere deluso, e bisogna vivere il presente che è tutto ciò che possiamo dire di possedere davvero!

E devo dire che l’idea di essere libera di cambiare casa e città in poco tempo e facilmente mi piace, un po’ come mi piace anche il fatto di avere un contratto a progetto invece di un tempo indeterminato:

mi fa sentire libera.

E poi in fondo hai ragione: la casa è un posto, non un simbolo, quello che conta sono le emozioni che ci vivi dentro.

Per la metratura invece sono sempre stata minimalista: adoro gli spazi piccoli piccoli fin da piccola, gli oggetti miniaturizzati, le casine di legno. Fosse per me vivrei in una mini baita.”

A voi la parola!

  1. In quanti metri quadri vivete?
  2. Ne vorreste di più o sono anche troppi?
  3. Qual è il vostro minimo assoluto e qual è la metratura che ritenete “giusta” per voi?
  4. Considerate l’acquisto di una casa un obiettivo, oppure non vi interessa più di tanto ben contenti di stare in affitto tutta la vita senza patemi?
  5. Date importanza alla casa come stato simbolo o se volete come proiezione di voi, oppure la considerate semplicemente un posto dove dormire e mangiare, perché la vostra vita si svolge più altrove?

Aspetto i vostri commenti via mail info@konvertarredamenti.it o su facebook https://www.facebook.com/KonvertArredamenti/

Nadia di Konvert chiede: “Quanti di noi hanno una casa piccolina? Moltissimi, suppongo. E’ normale quando si vive in città, magari da soli o in coppia, magari in affitto. Poco importa, finalmente una casa tutta per noi da arredare a nostro piacimento con i sistemi d’arredo trasformabili a scomparsa di Konvert! Quel che conta non è tanto avere molto spazio a disposizione, quanto saperlo sfruttare nel modo giusto. Le case più piccole hanno non pochi vantaggi: dalla praticità nella pulizia, alla velocità con cui si riscaldano. Vediamo allora qualche idea per rendere ancora più confortevole una casa di 60 metri quadri o anche meno. Chiedi il tuo Check Up gratuito dello spazio in casa e scoprirai che…

Tutto lo spazio che serve…è già in casa tua!

Uff. Stampa di Konvert Open Space Grugliasco(TO) www.konvertarredamenti.it